Pionieri del virtual sex

Oggi si parla tantissimo di sesso virtuale come una moda del momento, il progresso che travolge qualsiasi cosa e che cambia tutte le abitudini, anche quelle che pensavamo non potessero mai e poi mai diventare virtuali e invece oggi dobbiamo ricrederci.

Se in molti credevamo che il piacere degli incontri reali non sarebbe mai potuto essere virtualizzato in alcun modo, alcuni pionieri avevano invece previsto con largo anticipo questa possibilità. Tra i tanti pionieri del sesso virtuale siamo però sicuri che nessuno di voi avrebbe compreso il nome di una cantante molto famosa: Victoria Beckam. Ex Spice Girl, cantante solista per qualche anno nei primi anni 2000, famosa moglie del prestigioso giocatore David Beckam, aveva anticipato i tempi con un suo singolo mai diventato abbastanza famoso, almeno nel nostro paese.

Infatti, nel 2003 Victoria Adams usciva con un doppio singolo da solista Let Your Head Go e This Groove, con quest’ultimo pezzo che raccontava proprio di incontri di sesso telefonico, una previsione in r’n’b praticamente. Se è vero che oltre manica il fenomeno è partito sicuramente prima, nel 2003 erano davvero in pochi quelli che pensavano che il sesso telefonico potesse diventare così tanto praticato.

Questa curiosità ci ha molto sorpreso, vista soprattutto la fama della cantante ed il particolare argomento di cui si parla. Tuttavia, Victoria non è stata certo la prima cantante a trattare l’argomento. Se, infatti, si facesse una ricerca più attenta, sono tanti gli artisti che hanno fatto da pionieri e molto prima di Victoria. Ad esempio, per una compilation di artisti vari del 1993 veniva proprio scelto il titolo Virtual Sex.

Tanti sono poi i gruppi di cantanti minori che hanno trattato l’argomento più o meno prima degli altri. Se fate una ricerca su internet, tra i primi risultati appariranno i Milemarker, una band i cui brani prendono quasi tutti spunto dal sesso ed in molti casi hanno come argomento principale il sesso virtuale.