Internet e l’e-commerce evoluzione di un criterio

  1. Chiunque necessiti di una vetrina e di pubblicità per consolidare e/o attivare la propria iniziativa economica avrà bisogno di creare un e-commerce e per farlo dovrà necessariamente seguire alcune regole.

  2. Per impostare un e-commerce e quindi aprire una nuova attività bisognerà dapprima:
  • Aprire una Partita Iva
  • Registrarsi come venditore

Nulla può essere programmato in rete se non si fanno prima queste due cose.

Successivamente avrete il problema – o meglio dovremmo dire la possibilità – di aprire la vostra vetrina virtuale.

Aprire un shop online significa doversi rivolgere ad un web designer, ovvero quella figura professionale che curerà non solo l’aspetto del sito ma anche il funzionamento generale e si prenderà il carico di aggiornare costantemente le pagine. Per questa ragione viene definito come l’architetto del web.

Questo appellativo è perfettamente calzante per il ruolo che deve ricoprire il web designer.

  • Occuparsi della costruzione del sito
  • Scegliere la grafica migliore
  • Impaginare ogni elemento
  • Fare pubblicità
  • Mettere on line e aggiornare costantemente tutte le pagine

Altra materia è quella relativa al posizionamento.

Purtroppo se non si è una grande catena riuscire ad essere rintracciati e ricevere un tot di visite mensili può diventare seriamente un impresa complessa.

Se si ha un attività artigianale le opzioni sono due.

La prima è quella di rivolgersi a grandi siti già conosciuti (Facebook, Ebay&affini )

La seconda è quella comunque di creare una propria personale vetrina.

I pregi e i difetti di queste due opzioni

Dobbiamo dire che affidandosi a grandi siti si rischia comunque che i propri prodotti siano poco visualizzati per via del fatto che esiste un mare di persone che cercano un determinato prodotto e altrettanti sono quelli che tendenzialmente lo offrono a meno che non si tratti di un prodotto poco diffuso.

Il difetto della seconda opzione invece è il dover fare un lavoro dal principio.

Passiamo ai pregi.

Nel primo caso il pregio è quello di poter usufruire di una vetrina senza grande dispendio di denaro.

Nel secondo caso invece i pregi non si contano. A fronte certamente di una spesa più o meno considerevole potrete ottenere:

  • Una valido posizionamento nei maggiori motori di ricerca
  • Una vetrina personalizzabile – cosa impossibile se ci si rivolge a siti esistenti –
  • La possibilità di fare scambio link, opzione importante per la pubblicità
  • Poter aggiornare costantemente il sito senza avere un tetto massimo di prodotti inseribili, cosa che invece può avvenire nel primo caso.

Insomma una vetrina online costa qualcosa ma i risultati in termini pubblicitari e di fidelizzazione della clientela non si contano.